sabato 25 aprile 2020

Recent publications made possible through the contribution and activity of our Association

Due to the current and evolving coronavirus situation, we have been obliged to cancel all CanaDiana events planned to take place in Siena, Viareggio and several schools in Tuscany, during May and October 2020.
Under these same circumstances some CanaDiana members have had to annul their registrations for conferences in Italy and the USA.
However, we are pleased to announce two recent publications made possible through the contribution and activity of  our Association:

AAVV, The Differentiated Self, edited by Jon Redfern, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2019;

  

Diane Pacitti, Tra due Paesi, traduzione di Laura Forconi Ferri, Isernia, Cosmo Iannone Editore, 2020.


Besides it is our pleasure to inform you of the publication of the book by our President Fabrizio Ghilardi:

Fabrizio Ghilardi, Processi di Globalizzazione - Problemi di Democrazia, Pisa, ETS, 2019.


Anna Foschi Ciampolini intervista Alessandra Bordini per il Marco Polo

Anna Foschi Ciampolini intervista Alessandra Bordini per il Marco Polo


giovedì 20 febbraio 2020

Ricordo di Caterina Ricciardi

Agli amici di CanaDiana e a tutti coloro che frequentarono Il Centro Siena-Toronto


Caterina Ricciardi ci ha lasciati. Con la sua scomparsa abbiamo perduto una sostenitrice delle nostre iniziative culturali per le quali ha sempre generosamente offerto competenza critica, profonda conoscenza della letteratura canadese, serietà di studio.

Caterina Ricciardi has left us. We have lost one of the finest, most competent and knowledgeable contributors to the cultural initiatives we have undertaken towards the promotion of Canadian literature

Laura Forconi

La ricordiamo con le parole pronunciate dalla collega e amica Maria Anita Stefanelli, pronunciate durante le sue esequie:


Su invito del direttore del Dipartimento di lingue, letterature e culture straniere di Roma Tre, per la vicinanza disciplinare e anche personale a Caterina, porto il saluto a nome proprio e dei nostri colleghi alle sue sorelle e alla famiglia…. A loro vorrei, innanzitutto, dire che…
Se esiste un modello di studiosa seria, coscienziosa e onesta, quella è certamente Caterina Ricciardi. Rispettosa dei Numi tutelari della disciplina era grata a chiunque esprimesse un giudizio critico sulle sue ricerche. Seguiva gli studenti e i giovani appassionati della nostra materia senza risparmiarsi. Tesi di laurea e di dottorato lo confermano.
Alla scoperta degli studi canadesi si è avventurata, giovane studiosa, con entusiasmo, sviluppando legami culturali con l’Ambasciata del Canada e l’allora Centro di Studi Canadesi diventato, anche grazie al suo impegno, fucina di seminari, conferenze e supporto ai giovani studiosi tramite finanziamenti per ricerche da condursi nelle varie università – io stessa nel 1994 a Terranova ho avuto occasione di esplorare la terra e la cultura della regione in cui Caboto, dopo il successo di Colombo, approdava.
Ma la letteratura del Canada, pur con le stelle nascenti – Margaret Atwood che si avviava a prender posto tra l’élite dei teorici e critici culturali e Alice Munro che sarebbe approdata, nel 2013, alle vette del Premio Nobel – era un ambito di ricerca troppo ristretto per la sua ambizione intellettuale di americanista a tutto tondo. Lei desiderava continuare a crescere con il Personaggio letterario che le insegnava di più e la cui opera poetica era ricchissima di miti, culture orientali, filosofie, storia del mondo, arte; e quindi, immagini, immagini, immagini – EIKONES, il suo libro su Ezra Pound, quello che aveva scritto per la cattedra. Al connubio di arte e letteratura, tema sempre caro agli Americani, Caterina si era dedicata con l’anima, conscia che gli Americani della Progressive Era avevano barattato il bello per il “materialismo affaristico” e che i residui aspiranti artisti e letterati dovevano attraversare l’oceano per rincorrere la bellezza universale promossa dalla classicità.
EIKONES è un tripudio di figure mitologiche, artisti e luoghi sacri dell’arte: le diverse Veneri, da Botticelli a Tiziano, dagli Uffizi al Prado, da Arianna, Venere e Bacco del Tintoretto al Bacco e Arianna alla Galleria Nazionale Londinese, Ermes, Atteone, Marte -- tutte, tutti ed altre, altri trionfano nella poesia dei Cantos poundiani.
E proprio la formidabile figlia del Poeta e di Olga Rudge, Mary de Rachewiltz, Caterina ha insistito, l’estate scorsa, che io incontrassi mentre mi trovavo non lontana da Merano. Fu così che telefonai a Mary e andai a trovarla il 29 Agosto. Fu una visita emozionante. Le dissi che ricordavo Pound in passeggiata alle zattere, nel primo pomeriggio, qualche anno prima che lasciasse questo mondo dove aveva avuto una vita tanto intensa, ma aveva anche sopportato la prigionia forzata di St. Elizabeth e il vuoto abissale della gabbia con la luce perenne a Pisa.
Vi ho dato, con questo racconto, la mia frequentazione ultraquarantennale di Caterina.
Ci sono stati scambi, lavori fatti insieme. Lei ha curato i Dialoghi con i classici invitandomi a partecipare; io lavoro a Bob Dylan and the Arts avendola invitata a partecipare. Per la stessa collana, della stessa casa editrice Edizioni di Storia e Letteratura.
Il primo è uscito nell’autunno 2019. Il secondo uscirà auspicabilmente un anno dopo.
Peccato che lei non ci sarà per gioirne insieme.
Chiudo con le parole scrittemi da Mary:
“Io purtroppo non ho sorelle, ma da bisnonna, alla famiglia vorrei solo dire di essere fieri di Caterina. So che nel dolore della perdita è una magra consolazione e vorranno perdonarmi se domani non partecipo alle esequie.
Ho la grande fortuna della Fede grazie alla mia nutrice, e anche mio padre ha scritto alla fine dei Cantos:  pray --  pray / There is power.”                
GRAZIE,


Maria Anita Stefanelli

mercoledì 6 novembre 2019

Fabrizio Ghilardi - Il problema della globalizzazione: la prospettiva canadese



Mercoledì 6 Novembre 2019

Fabrizio Ghilardi
Università di Pisa

Il problema della globalizzazione: la prospettiva canadese


Per informazioni inviare una mail a: abuono@unior.it



giovedì 30 maggio 2019

FABRIZIO GHILARDI - Le relazioni internazionali nell'epoca della globalizzazione

Giovedì 30 maggio 2019
Università LUMSA di Roma

Prof. Fabrizio Ghilardi
Professore Ordinario di Storia delle Relazioni Internazionali dell’Università di Pisa
Presidente dell’Associazione CanaDiana


terrà una conferenza dal titolo:

Le relazioni internazionali nell'epoca della globalizzazione


La conferenza fa parte del ciclo CanaDiana Lectures Series
ed è organizzata con il Patrocino dell’Ambasciata Canadese in Italia.


venerdì 17 maggio 2019

MICHELA BALDO - Tradurre la letteratura italo-canadese in italiano: traduzione come ritorno e restituzione


CENTRO CANADESE "ALFREDO RIZZARDI" -  CANADIANA
--------------------------------------------------

Giovedì 23 maggio 2019 - ore 15
presso
Dipartimento Lilec - Università di Bologna
via Cartoleria,5 - Bologna

MICHELA BALDO
(University of Hull)

presenta

Tradurre la letteratura  italo-canadese in italiano:
traduzione come ritorno e restituzione


Introduce

Laura Forconi
(Associazione CanaDiana)

Coordina

Carla Comellini
(Responsabile del Centro Canadese "Alfredo Rizzardi)


---------------------------------------------------------------------------------------------

In questa presentazione Michela Baldo https://www.hull.ac.uk/faculties/staff-profiles/michela-baldo.aspx   prende spunto dal suo recente  libro, Italian-Canadian Narratives of Return: Analysing Cultural Translation in Diasporic Writing (Palgrave 2019) https://www.palgrave.com/gp/book/9781137477323 , e parla delle traduzioni in italiano di alcuni testi di scrittrici e scrittori italo-canadesi, come Ritorno in Italia (2012) di Mary Melfi, tradotto da Laura Ferri, la trilogia  La Terra del Ritorno di Nino Ricci (2004), tradotta da Gabriella Iacobucci, e  Scarpe italiane (2007) di Frank Paci, tradotto da Silvana Mangione. Di tali  testi viene esaminata la costruzione narrativa, attraverso il multilinguismo, del tema del ritorno, e le loro traduzioni sono interpretate  come  ritorni metaforici degli emigrati italiani partiti alla volta del Canada tra gli anni 1950 e 1960.

------------------------------------------------------------------------
Evento realizzato con il Patrocinio dell'Ambasciata del Canada in Italia
------------------------------------------------------------------------

Info: canadianaclub@gmail.com